Home
Acqua e salute nel Chaco Boliviano
Scritto da Fabrizio   
martedì 06 aprile 2010

Lo scritto  sotto riportato è stato estratto dalla Relazione  del Prof. Attilio Orecchio direttore Amministrativo dell'Istituto Professionale “Enrico Fermi” di Verona che assieme ad altri amici tra cui il Comune di Verona hanno presentato un progetto molto importante denominato:

“Acqua e salute nel Chaco Boliviano”

(costruzione dell'acquedotto della “JUNTA”)

di seguito il video di P. TARCISIO
(un ringraziamento e una sollecitazione a finirlo presto)

poi il video degli Amici di Verona

PER VEDERE I VIDEO CLICCARE SOTTO


Filmato 1  (Padre Tarcisio)

Filmato 2  (Amici di Verona)

Ci fermiamo a prelevare e analizzare l’acqua di un torrente, poi proseguiamo fino alla Junta, un posto meraviglioso dove il Rio Grande riceve le acque di un affluente minore. Centro metri più su dalla riva c’è il centro della Comunità. “Quarantuno famiglie di guaranì – ci spiega il vicesindaco di Lagunilla, anche lui indigeno – hanno deciso quattro anni fa di stabilirsi qui. Provengono da altre comunità che erano cresciute troppo in popolazione, e non avevano più terra e acqua per tutti. Qui c’è pascolo e acqua per il bestiame, ma mancano ancora l’acqua potabile e le case;  la gente abita in tende e abitazioni di fortuna e beve l’acqua del Rio Grande, magari dopo averla raccolta da un buco che viene scavato sul greto semiasciutto del fiume, in modo che filtri attraverso la ghiaia e diventi meno torbida”.

Ci sediamo sotto una tettoia di paglia con il subalcalde, il Capitano della Comunità e una decina di guaranì, donne con i bambini piccoli in braccio e uomini con l’immancabile pallina di foglie di coca in bocca. Dividiamo fra tutti il pane e la frutta che ci siamo portati da Gutierrez. Poi inizia un dialogo, lento, difficile, in tre lingue – l’italiano, lo spagnolo, il guaranì – con Andrea che fa da interprete e mediatore culturale. La gente della Junta spera che siamo lì per portare l’acqua potabile, sic et simpliciter. Noi spieghiamo che da Verona possiamo solo fornire un contributo tecnico e scientifico, magari progettando l’impianto e la rete per prelevare l’acqua dal torrente che dista 17 chilometri, farla arrivare per caduta fino alla comunità e depurarla come si deve. I finanziamenti per realizzare l’opera, però, non li possono fornire le scuole veronesi, vanno trovati in loco. Ma qui – ci rispondono - soldi per i guaranì non ce ne sono, le autorità blanquitos hanno in mano il potere locale e piangono sempre miseria quando si tratta di fare qualcosa per gli indigeni. Ci rivedremo sabato prossimo a Gutierrez con le autorità locali, parleremo anche della situazione della Junta, butteremo giù un’ipotesi di lavoro. Le donne ci ringraziano e mentre risaliamo sui fuoristrada sorridono.

Ma è un sorriso triste. 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 07 maggio 2010 )
 
5 per mille anno 2010
Scritto da Fabrizio   
martedì 06 aprile 2010

 

 Cari amici di P. Tarcisio e della Scuola

TEKOVE-KATU 

 

vi invitiamo con la Denuncia dei Redditi

anno 2010

a firmare e segnare il seguente numero:

01078610498

come potete vedere sotto del fac-simile.

 

 

 

 

 

 

 

FIRMA E SEGNA 01078610498

 

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 06 aprile 2010 )
 
Cena di Primavera Ven. 23.04.2010.Rist. Principino Centro Congressi-Viareggio-
Scritto da Fabrizio   
venerdì 26 marzo 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 30 marzo 2010 )
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Pross. > Fine >>

Risultati 113 - 116 di 137

Chi e' online

link vari

 

 

 

 

 

 

SELVAS.org

 

Progetto

Sviluppo

CGIL

 

 

cmsr


arcoiris

 

ong

 

FLC

 

ucodep

 

 

 

 

 

 

DOMENICO ZIPOLI

Gabriele Giacomelli, Organo