Home
Un mùsico entre los indios de Massimo Luconi
Scritto da Fabrizio   
mercoledì 14 novembre 2012


 

( para ver la pelìcula clique y espere)

 

 

Una película documental de Massimo Luconi

 

Con la colaboraciòn de  Fernando Maraghini

 

Asesorìa musical de Gabriele Giacomelli

 

 

 

Domenico Zipoli, nacido en 1688 a Prato, debe su fama de músico a las Sonatas de tabladura para órgano y cémbalo publicadas en 1716, en la época en que el era organista en la Iglesia del Jesús en Roma, y que todavía son entre las partituras más escuchadas en los programas de conciertos para órgano. Al tope de su fama, se hace Jesuita y parte para las misiones en América Latina donde vive diez años, hasta la muerte ocurrida en 1726 en Córdoba en Argentina.Per más de dos siglos y medio se perdieron las huellas de Domenico Zipoli in América del Sur, y la historia de la música del 700 se acordaba de él tan solo como de un virtuoso organista, y apreciado autor de composiciones de música sagrada, antecedentes a su viaje hacia el nuevo mundo.En 1972 el arquitecto suizo Hans Roth, trabajando en la restauración de los maravillosos restos de las misiones jesuíticas de Chiquitos, en el nordeste de Bolivia, a los confines de Mato Grosso, descubre más de 5.000 páginas de música escritas por los jesuitas para los indígenas, entre ellas muchas pertenecientes a la producción de Zipoli. El descubrimiento de este ingente patrimonio cultural, considerado el evento fundamental de la musicología hispanoamericana reciente, trajo finalmente a la luz la actividad cultural de los padres jesuitas y cambió el análisis de la música del 700.  Empieza así a despertar el interés por  Zipoli. Al comienzo, casi con maravilla, es difícil asociar las huellas de un Domingo Zipoli músico con el Zipoli italiano, más tarde gracias a la obra de atentos estudiosos, con el análisis comparativo de otras obras de la misma época y la restauración de muchos manuscritos, se entiende plenamente su grande producción musical.Según los estudios más recientes, hasta parece que Zipoli fuera el musico más conocido en el nuevo continente, y el considerable número de manuscritos que le han sido atribuidos contenidos en en los archivos bolivianos representa su prueba tangibile. Se trata de música de extraordinaria calidad, completamente diferente a la música para órgano de la época antecedente. Se puede decir que la historia de la música del 700 tendría que ser escrita de nuevo para dar el espacio debido a la genial producción musical de un jesuita que enseñó y produjo música para los indígenas, hasta con instrumentos realizados por los mismos indígenas.Por 150 años, desde 1609 hasta 1767, cuando fueron expulsados de toda América Latina,  los jesuitas fundaron muchas reducciones bajo un régimen hecho de reglas organizativas eficaces y  vida comunitaria  y protegiendo a los indígenas de la explotación y de la esclavitud, de los grandes latifundistas y comerciantes portugueses. Construyeron iglesias monumentales, haciendas agrícolas y más que  todo desarrollaron las artes en sus más variadas expresiones, dedicándose especialmente a la enseñanza musical.Declaradas Patrimonio Mundial de la Humanidad de la UNESCO y objeto de una trabajosa y completa obra de recuperación, las reducciones jesuíticas   de las áreas amazónicas de Bolivia, en la actual provincia de Chiquitos, están todavía habitadas por poblaciones locales de indígenas Guarayos.El film documental quiere contar la historia de un grande y misterioso músico y de un extraordinario descubrimiento en el corazón de la floresta amazónica, que trajo finalmente a la luz la actividad cultural de los padres jesuitas y està cambiando el análisis de la música del 700.Acompañados por los frailes franciscanos que viven con los indígenas guaraníes  y como los jesuitas en 700 trabajan para su protección y desarrollo social, viajamos hacia la floresta amazónica del nordeste de Bolivia hasta las reducciones de Chiquitos, donde a finales de los años ’70 del siglo pasado fueron encontradas 5.500 páginas de música del periodo de los jesuitas, entre ellos muchos de Zipoli y donde hoy existe un archivo y un laboratorio de restauración de los manuscritos.El circuito de las reducciones jesuíticas del nordeste de Bolivia, después de más de dos siglos de abandono y destrucción, fue declarado por la UNESCO Patrimonio de la Humanidad.Guiados por el padre Nawrot, uno de los mayores expertos de música latinoamericana barroca, responsable  del archivo de Concepcion, asistimos al trabajo de restauración y catalogación del inmenso patrimonio musical y nos fue posible filmar, en vivo, la atribución de un manuscrito, que se consideraba anónimo, a Domenico Zipoli. Siguiendo las huellas de la música de Zipoli llegamos a Urubichá  pequeña aldea de tres mil indígenas en el corazón de la floresta amazónica donde se encuentra el más increíble Conservatorio de Música del mundo, fundado por los franciscanos  padre Walter e hermana Ludmilla y atendido por más de trescientos estudiantes indígenas que aprenden y tocan con arte la música barroca de Hermano Domingo Zipoli.Desde el norte de Bolivia hemos recorrido las carreteras de los soldados de Jesús, casi 3000 km, hasta Córdoba, en Argentina, donde Zipoli vivió por más de 10 años, escribiendo y enseñando música a los indígenas, y donde murió en 1726 con solamente 38 años de vida. 

 

 duración 50 min. 

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 17 novembre 2012 )
 
Il dilemma del TIPNIS, territorio indigeno e parco nazionale nel cuore della Bolivia.
Scritto da Fabrizio   
lunedì 10 settembre 2012

Il TIPNIS (territorio indigeno e parco nazionale Isiboro Secure), è una delle ultime zone totalmente vergini dell’intera America del Sud. Situato nel cuore della Bolivia, già in territorio amazzonico, è un enorme cuneo incastonato tra i dipartimenti di Cochabamba e Beni. Esteso più di 12.000 chilometri quadrati, è uno dei luoghi più importanti del Sud America sia dal punto di vista della biodiversità, sia dal punto di vista etnico, in quanto vi sono presenti alcuni gruppi d’indigeni Moxeños, Yurakares, Yuki, e Chimanes (Tsimane).

Il suo territorio si estende in un area compresa tra il Rio Isiboro e il Rio Secure (quest’ultimo affluente del Rio Mamoré, facente parte della conca del Rio delle Amazzoni). Si estende dai 3000 metri s.l.d.m. (bioma della selva alta), fino ai 180 metri s.l.d.m. in piena selva bassa amazzonica. Vi sono presenti tantissimi animali tipici del bioma amazzonico: tapiri, giaguari, capibara, lontre, cervi, orsi formichieri, armadilli, scummie, cinghiali amazzonici (pecari), caimani, acquile, avvoltoi, tucani, pappagalli, pesci amazzonici come: surubí, pintado, yatorana, sabalo, pacú, e ovviamente una quantità immensa di insetti e aracnidi, alcuni dei quali non ancora identificati dall’uomo. Anche dal punto di vista della flora, il TIPNIS presenta una grande varietà di piante e alberi, che potrebbero essere sottoposti a studi oculati, in modo da identificare piante utili per sconfiggere malattie, con l’aiuto degli ancenstrali conoscitori delle loro proprietà, gli sciamani nativi della zona.

Purtroppo, sembra incredibile, ma il TIPNIS, oggi è fortemente minacciato.
Il progetto di una strada che lo divida letteralmente in due, con la sucessiva entrata di coloni procedenti dalla sierra, ha molti anni, ma solo da pochi mesi ha ricevuto un forte impulso. Il progetto prevede la costruzione di una strada tra il paese di Villa Tunari (dipartimento di Cochabamba), e il paese di San Ignacio de Moxos (dipartimento del Beni).

Il governo della Bolivia, che appoggia fortemente il progetto, sostiene che la costruzione della strada potrebbe dare impulso al commercio tra i dipartimenti di Cochabamba e Beni, tra i quali ora non esiste un collegamento diretto.
Il problema è che pensare di far passare una strada proprio all’interno di un parco nazionale dichiarato “intangible” ovvero “luogo dove non si può intervenire in alcun modo” è alquanto strano.
 

Il governo della Bolivia, che si è dichiarato fin dai sui primi giorni protettore della “Pachamama” ovvero la “Madre Terra”, come viene chiamata in Sud America la Natura con riferimento alla Creazione di Dio, si trova oggi in una posizione alquanto difficile, stretto tra potenti interessi internazionali a favore della strada, e tra la maggioranza dei boliviani (soprattutto del dipartimento di Santa Cruz e Beni), che sono contrari alla costruzione della strada attraverso il TIPNIS, ma che propongono soluzioni alternative.

La possibilità di costruire una strada attraverso il TIPNIS si è sbloccata quando, nel 2011, il Banco Nazionale del Brasile per lo sviluppo sociale ed economico, (BNDES), ha offerto un credito di 332 milioni di dollari statunitensi alla Bolivia, con il proposito di costruire la strada. Inoltre la costruzione della strada sarebbe affidata all’impresa brasiliana OAS.

Perché c’è tanto interesse per costruire questa strada? Durante il mio recente viaggio in Bolivia ho intervistato varie persone sia nella capitale La Paz, che nel dipartimento del Beni, in particolare nel paese di San Ignacio de Moxos e nella città di Trinidad.

Innanzitutto bisogna considerare che il TIPNIS è una enorme spugna. Dalla cordigliera di Mosetenes, che lo attraversa da nord-ovest a sud-est, nascono tantissimi fiumi (tra i quali il Secure), la cui acqua scorre verso nord-est in direzione del Rio Mamoré. In tempi come questi, dove l’acqua sta essendo privatizzata in molte zone del mondo, non mi stupirei se venisse alla luce un progetto per imbrigliare uno di quei fiumi, e poter in seguito vendere a caro prezzo il prezioso liquido, del quale non possiamo fare a meno.

Nel TIPNIS c’è inoltre abbondanza di petrolio: infatti il governo ha dichiarato che il 27% del parco come zona di approvvigionamento di idrocarburi. Di quest’area ben 128.000 ettari sono stati già assegnati ad un consorzio guidato dall’impresa brasiliana Petrobras e la francese Total. Un’altra zona è stata invece concessionata ad un consorzio guidato dall’impresa boliviana YPFB e dalla venezuelana PDVSA. Per il momento non vi sono ancora attività estrattive ma in futuro, se si costruirà la strada proprio tagliando in due il parco, le cose potrebbero cambiare.

Secondo molti boliviani che ho avuto modo di intervistare, ci sarebbe un altro motivo, per il quale il governo spinge per la costruzione della strada: i produttori di coca delle zone andine del Paese vorrebbero ottenere in concessione nuove aree vergini per piantare più coca, una pianta che, come è noto, rende tre raccolti all’anno.
Il punto chiave che però fa pensare è: a cosa servirà questa coca in eccedenza?

La coca che si produce oggi in Bolivia è già sufficente per il consumo interno, ovvero per la pratica diffusa e ancestrale di masticarla, sia per motivi culturali che alimentari. Resta il dubbio che una eventuale produzione in eccesso di coca possa essere destinata alla produzione illegale di cocaina, per alimentare il nefasto traffico internazionale di droga che sta facendo tanti danni agli esseri umani.
Il 15 agosto 2011 è iniziata una marcia di Boliviani contrari alla costruzione della strada all’interno del parco, che da Trinidad ha raggiunto, dopo due mesi di notevoli difficoltà, la città di La Paz.

Una volta che i partecipanti alla marcia sono arrivati a La Paz, il presidente Evo Morales accettò di porre un veto alla costruzione della strada, dichiarando “intangibile”, cioè “intoccabile”, il TIPNIS.

Tuttavia nelle settimane sucessive, il governo si è espresso nuovamente a favore della costruzione indicando che le comunità indigene del parco, tanto come gli abitanti del paese di San Ignacio de Moxos, starebbero a favore della costruzione della strada all’interno dell’area protetta.
A Trinidad ho sentito il parere della gente, e la mia impressione è che la maggioranza delle persone sia a favore di un percorso alternativo che passi ad est del parco senza ferirlo, aprendo così un’importante via di comunicazione tra Cochabamba e Trinidad senza distruggere il bioma del TIPNIS.
Il mio punto di vista è lo stesso: il parco non va toccato: proprio perché è un incommensurabile patrimonio di ricchezza biodiversa che potrebbe racchiudere in sé piante e animali rari i cui principi attivi potrebbero essere fondamentali per il bene di tutta l’umanità, ad esempio per sconfiggere malattie incurabili.

La Bolivia è davanti ad un bivio: continuare ad essere un Paese esportatore di materia prime, limitandosi a vendere le sue ricchezze senza creare valore aggiunto, o intraprendere un cammino differente, cercando di valorizzare le proprie risorse biodiverse e creando valore aggiunto allo scopo di raggiungere uno sviluppo armonico e sostenibile.

 

Ringraziamo l’amico YURI LEVERATTO  il quale ha riprodotto in maniera molto chiara la situazione del TIPNIS sul sito web www.yurileveratto.com.

 

segue un documentario(in spagnolo) che ci hanno inviato

gli amici di Bolivia il quale chiarisce la vera situazione della strada

che il Governo vuol costruire. il titolo inequivocabile è:

"cosa c'è dietro il TIPNIS?"

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 10 settembre 2012 )
 
Iniziativa Croce Verde 28.09.12 con Prof. A. Bartoloni
Scritto da Fabrizio   
giovedì 06 settembre 2012

 

 ASSOCIAZIONE AMICI DEL POPOLO GUARANI

 

CROCE VERDE DI VIAREGGIO

 

Bolivia:Guaranì un popolo in cammino

  

 

30 anni di cooperazione dell’Università di

   

Firenze                 

  

 e della Città di Viareggio con Padre Tarcisio

 

 i risultati raggiunti e gli obiettivi futuri

 

Venerdì 28 settembre 2012  h. 21,00

 

Sala Croce Verde Viareggio,Via Garibaldi

 

 

ne parliamo con

 

Prof. Alessandro Bartoloni

 

 

(Direttore Clinica Malattie Infettive.

Ospedale Careggi.Firenze)

 

 

 

Fabrizio Girolami

 

 

(Presidente Associazione

Amici Popolo Guarani)

 

 

 

guida la serata Stefano Pasquinucci.

 

 

 Intervenite numerosi

 

 

 

 

 

Cari amici di Viareggio

 

ci è sembrato importante svolgere questa

 

iniziativa

 

assieme alla Croce Verde di Viareggio

 

la quale

 

ci ha sempre approggiato per le iniziative

 

in Bolivia.

 

Ricordiamo il contributo recente per

 

la costruzione 

 

dell'aula di calcolo informatico presso

 

la Scuola di salute

 

"Tekove-Katu" diretta dall'amico P. Tarcisio. 

 

Inoltre la presenza del Prof. Bartoloni

 

 del dip.to Mal. Infettive

 

dell'Univ. di Fi ci potrà chiarire sia

 

l'intesa raggiunta

 

con il Governo di Bolivia per un progetto

 

pilota

 

per estendere

 

l'assistenza nella zona del Chaco e il relativo

 

progetto finanziato dalla

 

Regione Toscana

 

---------------------------------- 
 
 indicazioni stradali per arrivare 
 alla Croce Verde di Viareggio
 
clicca qui 
 
 
 

                                       

Ultimo aggiornamento ( venerdì 07 settembre 2012 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 29 - 32 di 99

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online

Bacheca

Donazioni

link vari

 

 

 

 

 

 

SELVAS.org

 

Progetto

Sviluppo

CGIL

 

 

cmsr


arcoiris

 

ong

 

FLC

 

ucodep

 

 

 

 

 

 

DOMENICO ZIPOLI

Gabriele Giacomelli, Organo