Home
Trama del film MISSION
Scritto da Fabrizio   
domenica 01 novembre 2009

Tra il 1608 ed il 1767 in una vastissima plaga incuneata tra i fiumi Paranà ed Uruguay - oggi argentini - si tenne il famoso "sacro esperimento", rimasto celebre nella storia del vecchio Paraguay. Lo tentarono alcuni coraggiosi gesuiti, armati solo della loro fede indomita e di una grande cultura, per evangelizzare le tribù dei Guarany e proteggerle da umiliazioni e razzie loro imposte dai Regni di Spagna e del Portogallo, che si erano spartiti i territori in questione. Nelle "riduzioni" - così si chiamarono i centri attivati dai Soci della Compagnia di Gesù, tra foreste e corsi d'acqua imponenti - gli indigeni appresero a lavorare ed a vivere pacificamente in un sistema comunitario, per l'epoca assolutamente anomalo. Ma le "riduzioni" non potevano andare a genio né a Madrid, né a Lisbona. Spagnoli e portoghesi videro pericoli di ogni sorta e, soprattutto, la fine delle lucrose incette e compravendite di mano d'opera a buon mercato. Poi, quando Ferdinando VI di Spagna cede ai Portoghesi una larga parte dei territori, gli attacchi si moltiplicano, fino ad arrivare ad autentici genocidi. La mediazione di Papa Clemente XIII portò, in sintesi, alla seguente conclusione: l'ordine doveva lasciare le "riduzioni", pena l'espulsione non solo dall'America del Sud, ma anche dai due stessi Paesi europei. La decisione, pur dolorosa, fu presa dopo l'invio in loco da Roma di osservatori, che avevano lo scopo di constatare e riferire. Il film narra, nelle sue linee essenziali, la storia del "sacro esperimento" e della sua amara conclusione. Padre Gabriel si reca oltre le grandi cascate per portare tra i Guarany la parola di Cristo. La sua è un'impresa di innumerevoli difficoltà, ma egli riuscirà. Nella zona prescelta fa frequenti incursioni un avventuriero - Rodrigo Mendoza - che, al servizio dei Portoghesi, cattura gli indios destinati ad essere strappati dal loro "habitat" per lavorare duramente altrove. Rodrigo è un uomo spavaldo e violento: un giorno, geloso com'è della propria donna, egli uccide in duello suo fratello, innamorato di lei. Ossessionato dal rimorso e confortato da Padre Gabriel, egli decide di seguirlo, di aiutare disciplinatamente i Gesuiti e di rifarsi una vita finendo con l'essere cordialmente accettato come novizio dell'ordine. Mentre nelle "riduzioni" tutto si svolge nella pace e nel lavoro, arriva nella lontana città il Cardinale Altamirano, che, su esplicito mandato del Papa, deve indagare sulla insolita iniziativa promossa dall'ordine in Sud-America e sulle ripercussioni, politiche e sociali che ne sono derivate. Le visite che il prelato compie nei vasti centri operativi lo riempiono di stupore e di ammirazione: la fede vi appare solidamente radicata e tutto sembra svolgersi nel mutuo rispetto e nella pace più assoluti. Ma la cessione effettuata da Ferdinando di Spagna fa decidere i Portoghesi ad adottare ormai la maniera forte. Una spedizione militare è inviata contro la missione di Padre Gabriel, di Rodrigo e degli altri confratelli. Rodrigo si ribella, riprende le armi ed organizza la difesa: egli non avrà, però, la benedizione di Gabriel, che andrà incontro ai brutali massacratori levando alto l'ostensorio e seguito da donne e fanciulli inermi. La ragione di Stato sembra aver vinto, i Guarany sono uccisi o dispersi. Resterà, forse, nelle menti e negli occhi di pochi ragazzi, spauriti nell'immensità dei luoghi, il ricordo di quel meraviglioso esperimento, iniziato sotto il segno del Vangelo, che aveva portato, con la luce della fede, la cultura e la gioia per tutti.


Soggetto: LIBRO OMONIMO DI ROBERT OXTON BOLT



Note:
- PALMA D'ORO AL FESTIVAL DI CANNES 1986. OSCAR 1987 PER LA MIGLIORE FOTOGRAFIA. DAVID DI DONATELLO 1987 PER MIGLIORE PRODUZIONE STRANIERA (FERNANDO GHIA E DAVID PUTTNAM). GOLDEN GLOBE 1987 PER MIGLIORE SCENEGGIATURA E MUSICA

 



Con questi due contributi estratti da YouTube l’Associazione Amici del Popolo Guarani( Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo )ringrazia la TITANUS- Warner Home Video(gli Scudi) per il contributo concesso.Gli stessi servono per meglio comprendere il messaggio storico che il film magistralmente introduce.
Ultimo aggiornamento ( martedì 10 novembre 2009 )
 
DOMENICO ZIPOLI un musicista tra gli indios
Scritto da Fabrizio   
domenica 04 ottobre 2009

( per vedere il film cliccare sopra e attendere)

con la collaborazione di  Fernando Maraghini

consulenza musicale Gabriele Giacomelli

Domenico Zipoli  nato nel 1688 a Prato, deve la sua notorietà  di musicista alle Sonate d’intavolatura per organo e cembalo  edite nel 1716, nel periodo in cui era organista della Chiesa del Gesù  a Roma  e che ancora oggi sono fra le partiture  più ricorrenti nei programmi dei concerti d’organo.

Al  culmine della sua fama, diventa gesuita e parte per le missioni in America latina dove vive per dieci anni, fino alla morte avvenuta nel 1726 a Cordoba in Argentina.

Per oltre due secoli e mezzo si sono perse le tracce di Domenico Zipoli in Sud America e la storia della musica del 700 si ricordava  di lui solo come virtuoso organista e stimato autore di composizioni di musica sacra, antecedenti  alla partenza per il nuovo mondo.

Nel 1972 l'architetto svizzero Hans Roth, lavorando al restauro degli splendidi resti  delle missioni gesuitiche  di Chiquitos, nel nord est della Bolivia al confine con il Mato Grosso, scopre oltre 5.000 pagine di musica scritta dai gesuiti  per gli indios, fra cui molti appartenenti alla produzione di Zipoli. Questo ingente patrimonio culturale, considerato l’evento fondamentale della musicologia ispanoamericana recente, ha  finalmente messo in luce l' attività culturale dei padri gesuiti e cambiato  l' analisi della musica del 700.

Incomincia così il risveglio dell'interesse per Zipoli.

All’ inizio quasi  con stupore, si stenta ad associare le  tracce di un Domingo Zipoli musicista allo Zipoli italiano, poi grazie all’opera di attenti studiosi, con l’analisi comparata di altre opere coeve e il restauro dei molti manoscritti ritrovati, si capisce pienamente la sua grande produzione musicale.

Secondo i più recenti studi sembra addirittura che  Zipoli fosse il musicista più noto nel nuovo continente e il notevole numero di composizioni a lui attribuite presenti nei manoscritti degli archivi boliviani, ne è la prova tangibile e musica di straordinaria qualità, completamente diversa dalla musica organistica  del periodo precedente, Si può affermare che la storia della musica del 700 si debba in parte riscrivere per far posto alla geniale produzione musicale di un gesuita che insegnò e produsse musica per gli indios, addirittura con strumenti realizzati dagli indios stessi.

Per 150 anni dal  1609  fino al 1767, quando furono cacciati da tutta l'America latina,  i  gesuiti fondarono numerose reducciones sotto un regime fatto di efficaci regole organizzative,di vita comunitaria e difendendo gli indios dallo sfruttamento e dallo schiavismo dei grandi latifondisti e mercanti portoghesi. Costruirono chiese monumentali, aziende agricole e soprattutto svilupparono l'arte nelle sue più svariate espressioni, occupandosi in particolar modo di insegnamento musicale.

Dichiarate Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco e oggetto di una faticosa e complessa opera di recupero, le Riduzioni gesuitiche  dell’area amazzonica della Bolivia, nell’attuale provincia di Chiquitos, sono tuttora abitate dalle popolazioni locali degli indios Guarajos.

 

Il film documentario vuole raccontare la storia di un grande e misterioso musicista e di una straordinaria scoperta musicale  nel cuore della foresta amazzonica, che ha messo finalmente in luce l'attività culturale dei padri gesuiti e che sta cambiando l'analisi della musica del 700.

 Accompagnati dai frati francescani che vivono con gli indios guaranì  e come i gesuiti nel 700 lavorano per la loro tutela e crescita sociale, abbiamo viaggiato verso la foresta amazzonica del nord est della Bolivia, per addentrarci fino alle reduciones di   Chiquitos, , dove alla fine degli anni ‘70 del secolo scorso, sono stati ritrovati 5.500  pagine di musica del periodo gesuitico,fra cui molti  di Zipoli e dove oggi esiste un archivio e un laboratorio di restauro dei manoscritti.

Il circuito delle reduciones gesutitiche del nord est della Bolivia  , dopo oltre due secoli di abbandono e distruzione, è stato dichiarato dall’Unesco, patrimonio dell'umanità.

Guidati da padre Nawrot uno dei maggiori esperti di musica latinoamericana barocca, responsabile dell’archivio di Concepcion, abbiamo assistito al lavoro  di restauro e di catalogazione dell’ingente patrimonio musicale, e in diretta è stato possibile filmare l’attribuzione di un manoscritto che si riteneva anonimo, a Domenico Zipoli.

Sulle tracce della musica di Zipoli siamo arrivati a Urubichà piccolo villaggio di tremila indios, nel cuore della foresta amazzonica dove c’è il più incredibile conservatorio di musica del mondo, ,fondato dai francescani  padre Walter e suora Ludmilla e frequentato da più di trecento allievi indios che imparano e suonano con arte la musica barocca di Hermano Domingo Zipoli.

Dal nord della Bolivia abbiamo percorso le strade dei soldati di Gesù, circa 3000 km, fino a Cordoba, in Argentina, dove Zipoli visse  per oltre dieci anni  scrivendo e insegnando  musica per gli indios e dove morì nel 1726 a soli 38 anni.

.

 

durata 50 min

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 07 ottobre 2009 )
 
CHE GUEVARA - Inchiesta su un mito
Scritto da Fabrizio   
domenica 04 ottobre 2009

Riprese filmate di Franco Lazzaretti e di Giorgio Attenni, Antonio Eguino, Aldo Scarpa.
Hanno collaborato: Danilo Baroncini, Dina Nascetti, Epedocle Maffia.
Montaggio di Luciano Benedetti.


Documentario inedito in tre parti realizzato da Roberto Savio (giornalista, corrispondente della RAI per l’America Latina) nel 1972.

Un'inchiesta sul Che con intervista al soldato che lo uccise.

PER VISUALIZZARE I VARI FILMATI CLICCARE SUI LINK SOTTO INDICATI.

 

Parte I - Nascita di un guerrigliero
Parte II - Le cause del fallimento
Parte III - Morte di un guerrigliero
Ultimo aggiornamento ( lunedì 05 ottobre 2009 )
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 21 22 23 24 25 26 27 28 Pross. > Fine >>

Risultati 97 - 100 di 110

Chi e' online

link vari

 

 

 

 

 

 

SELVAS.org

 

Progetto

Sviluppo

CGIL

 

 

cmsr


arcoiris

 

ong

 

FLC

 

ucodep

 

 

 

 

 

 

DOMENICO ZIPOLI

Gabriele Giacomelli, Organo